Codroipo Cuore Live del Medio Friuli

Sito del Turismo del Medio Friuli: conoscere, capire e gustare il Medio Friuli

Associazione Intercomunale dei Comuni del Medio Friuli: Basiliano, Bertiolo, Camino al Tagliamento,

utility

Cerca

Scegli la lingua

Lingua italiana Lingua inglese Lingua tedesca

MUSICA IN VILLA 2019

antiche corti, ville, parchi e chiese da (ri)scoprire nelle sere d'estate in un'atmosfera di nobili note
19ma edizione

INGRESSO GRATUITO

 

SEDEGLIANO
venerdì 12 luglio – ore 21 – Fortino Prima Guerra Mondiale (in caso di maltempo Teatro Comunale Plinio Clabassi)
SAM AMIDON & GUANO PADANO
Sam Amidon chitarra, violino, banjo e voce
Alessandro “Asso” Stefana chitarre
Zeno De Rossi batteria
Danilo Gallo basso
Sam Amidon, cantautore e poli-strumentista nato nel Vermont, è uno dei più stimati artisti folk
contemporanei. Da subito la critica, nel vecchio continente e negli Stati Uniti, ha elargito commenti
entusiastici sui suoi lavori, e riviste importanti (tra cui Rolling Stone) hanno paragonato la sua voce per
spessore e intensità a quella di Nick Drake. Nel 2018 Sam ha incontrato il power folk dei Guano Padano in
un tour che ha toccato le principali città italiane. Quello dei Guano Padano è, come scrive Vittorio
Bongiorno, un “folk metropolitano dove melodia e rumore, analogico e digitale, vuoto e pieno, uomini soli
e donne fatali si versano l’ultimo bicchiere”. Un progetto musicale che è vera fusione di intenti: la pianura
padana, al confine con il New Mexico, incontra il Vermont, disegnando nuovi orizzonti per il folk
contemporaneo.


MUZZANA DEL TURGNANO
domenica 14 luglio – ore 21 – Villa Rubini (in caso di maltempo Sala Parrocchiale)
ETNOPLOČ
Aleksander Ipavec fisarmonica
Piero Purich sassofono
Matej Špacapan tromba
Il nome di questo trio transfrontaliero designa la scelta musicale dei suoi componenti che provengono
dall’area mista italo-slovena fra Trieste, Udine e Lubiana: un excursus nella musica etnica passando dalle
melodie balcaniche alla world music e alle produzioni proprie. Etnoploč è un trio etno-jazz che unisce le
sonorità dei Balcani, il klezmer, il blues, il jazz, il tango e molto altro in un'unica emozione, in cui le influenze
restano distinte ma indissolubilmente intrecciate ed il cancellare confini (immaginari) significa disegnare
nuovi territori sonori e pensieri, a tre musicisti di alto valore artistico e tecnico, con una vasta esperienza in
tutti i campi musicali.

FLAMBRO DI TALMASSONS
venerdì 19 luglio – ore 21 – Mulino Braida
LA PROFEZIA E IL DONO
il capolavoro segreto di Menocchio il mugnaio
Stefano Montello voce recitante
Zlatko Kaučič percussioni e cetra elettrica
Menocchio da Montereale è un uomo libero e un grande artista. La sua arte risiede nella sua visione del
mondo. È la sua vita il suo capolavoro, l'opera d'arte che gli è riuscita meglio. Con la sua opera, con le sue
idee, non convenzionali ha rivelato, come fa ogni artista, qualcosa di noi a noi stessi. Qualcosa che dura
da secoli. Come una profezia e un dono di sé.
ore 19.30 – percorso di visita al Mulino Braida ed al Biotopo Risorgive di Flambro


CANUSSIO DI VARMO
domenica 21 luglio – ore 21 – Villa Beltrame (in caso di maltempo Sala Consiliare Comune di Varmo)
A TAVOLA CON ROSSINI
Coro Santa Cecilia di Portogruaro
Paolo Scodellaro pianoforte
Giuliano Fracasso direttore
Il concerto “A tavola con Rossini” vuole essere un piacevole momento di incontro musicale fuori dal
genere comune, dove la figura del famoso compositore viene presentata nella sua interezza: non solo
come grande musicista ma anche come buongustaio e cuoco dal gusto prezioso. Brani solistici e
d’assieme tratti dalle più conosciute opere rossiniane e dai suoi divertimenti per coro vengono accostati
ed agganciati a simpatici e deliziosi aneddoti del Maestro in cucina per un appuntamento irrinunciabile
che si concluderà con la degustazione di alcune ricette di ispirazione strettamente rossiniana.

PASSARIANO DI CODROIPO
Giovedì 25 luglio – ore 19 – Parco di Villa Manin (in caso di maltempo Cappella di Sant’Andrea)
TUTTI I SUONI DEL QUARTETTO D’ARCHI
ARTIME QUARTET
Sabina Bakholdina primo violino
Erica Fassetta secondo violino
Alessandra Commisso viola
Elena Borgo violoncello
ArTime Quartet nasce dall’incontro di quattro affermate musiciste, provenienti da diverse culture
italoeuropee, nella splendida città di Venezia. La loro carriera professionale le ha portate a collaborare
individualmente e in gruppo presso le più prestigiose realtà musicali italiane ed europee. La proposta
musicale dell’ensemble spazia dal barocco al pop-rock (barocco, classico, romantico, contemporaneo,
jazz, pop/rock, musica leggera, musica popolare, tango, musica da film) e il nome scelto, evocando l’arte
declinata nello scorrere del tempo, indica la scelta della versatilità e ampiezza del repertorio quali aspetti
peculiari del gruppo, che riesce a incontrare i gusti di un pubblico molto vasto senza mai rinunciare
all’eleganza del suono del quartetto d’archi.

STERPO DI BERTIOLO
domenica 28 luglio – ore 21 – Villa Colloredo Venier (in caso di maltempo Auditorium Comunale di Bertiolo)
I QUARTETTI PER ARCHI DI MOZART
QUARTETTO STRADIVARIUS
Stefano Picotti primo violino
Caterina Picotti secondo violino
Annalisa Clemente viola
Lisa Pizzamiglio violoncello
Quarta tappa dell’esclusivo percorso di approfondimento dell’opera mozartiana per quartetto d’archi
intrapreso qualche anno fa da Musica in Villa. Nuovamente in compagnia del Quartetto Stradivarius,
formazione friulana che da sempre si adopera, con dedizione e professionalità, per la divulgazione e
valorizzazione del vasto ed avvincente repertorio musicale originale per quartetto d’archi, il concerto
prevede l’esecuzione dei seguenti quartetti del maestro salisburghese: n. 3 in sol maggiore K.156, n. 17 in si
bemolle maggiore K.458 “Jagd-Quartett” (La Caccia), n. 9 in la maggiore K.169 e n. 20 in re maggiore
K.499 “Hoffmeister”.

RONCHIS
giovedì 1 agosto – ore 21 – Piazzetta G.B. Trombetta (in caso di maltempo Aula Magna Scuola Primaria Pietro Zorutti)
IMMAGINARIO BLUES
JURI DAL DAN TRIO + FRANCESCO BEARZATTI
Juri Dal Dan pianoforte
Francesco Bearzatti sassofono
Romano Todesco contrabbasso
Alessandro Mansutti batteria
Viaggiare nel mondo del blues non è una questione geografica. Il blues è un’essenza che caratterizza la
vita di ciascuno a tutte le latitudini e così, se si vuole comprenderla, bisogna tornare alle origini, là dove
tutto è partito e dove l’istinto era, e continua ad essere, feroce. Ed è proprio con questo spirito che il
pianista Juri Dal Dan, insieme a Francesco Bearzatti, Romano Todesco e Alessandro Mansutti, ha cercato di
ricostruire la propria identità scavando nella propria anima, trovandoci un immaginario fatto di suoni e di
suggestioni blues. Un immaginario individuale ma anche collettivo che diventa poesia sincera da
condividere.

PIEVE DI ROSA DI CAMINO AL TAGLIAMENTO
sabato 3 agosto – ore 21 – Antica Pieve Matrice di Santa Maria
LA MUSICA DEI CIELI
Coro Polifonico di Ruda
Manuel Tomadin organo
Gabriele Rampogna percussioni
Fabiano Fantini voce recitante
Fabiana Noro direttore
La Musica dei Cieli è un introspettivo viaggio poetico-musicale attraverso i cieli del Paradiso della Divina
Commedia. Alcuni splendidi brani sacri di musica ortodossa e di importanti autori romantici e
contemporanei (quali per esempio Rheinerger, Schubert, Poulenc, Whitacre, Bonato, Pärt) si alternano a
suggestive letture per dare voce a grandi personalità della terza Cantica di Dante Alighieri (da Piccarda
Donati a Carlo Martello, da Tommaso d’Aquino all’imperatore Giustiniano).
ore 19.30 – percorso di visita alla Pieve Matrice di Santa Maria

CASTIONS DI STRADA
giovedì 8 agosto – ore 21 – Chiesetta di Santa Maria delle Grazie
A LOOK BACK
Riccardo Pes violoncello
Ferdinando Mussutto pianoforte
Nei primi decenni del Novecento si vennero a sviluppare nuove idee di avanguardia che si contrapposero
all’estetica classica e romantica vigente. Un’ondata di creatività innovativa e di ricca vitalità invase
l’Europa e molti compositori non poterono non venirne contagiati. Riccardo Pes e Ferdinando Mussutto, in
questo recital per violoncello e pianoforte, accompagnano il pubblico in un viaggio nel tempo che,
partendo appunto dal Romanticismo ed arrivando al Novecento inoltrato, volge lo sguardo al futuro e ha
come protagonisti l’impressionismo di Debussy, l’irruenza giovanile di Mendelssohn, lo sviluppo moderno di
Ligeti e le variazioni tra antico ed elettronica di Sollima.

VILLAORBA DI BASILIANO
venerdì 9 agosto – ore 21 – Villa Occhialini (in caso di maltempo ex asilo di Blessano)
DADO MORONI PIANO SOLO AND TALKS
Dado Moroni pianoforte
Una delle principali caratteristiche di Dado Moroni è la spontaneità. Un incontro con lui è come fare un
viaggio giocoso e partecipato nel tempo, lungo ben nove decadi jazzistiche, attraverso il racconto in
musica di aneddoti ascoltati direttamente dalla voce di Benny Waters, Dizzy Gillespie, Henry Edison e
Buddy Tate, Clark Terry, Jimmy Woode, Joe Henderson, Bob Mintzer, Wynton Marsalis, Alvin Queen, Joe
Locke, Ira Coleman e, in ambito extra jazzistico, da Lucio Dalla, Tiziano Ferro ed Eros Ramazzotti. In questo
concerto, Dado Moroni racconta la sua personale visione della musica jazz. I suoi brani preferiti,
composizioni originali e arrangiamenti saranno il punto di partenza del viaggio nel mondo della storia del
jazz, esplorando i diversi linguaggi che si sono succeduti nel tempo in una condivisione vera, pura e senza
preconcetti.

MADRISIO DI VARMO
sabato 10 agosto – ore 21 – Chiesetta di Santa Radegonda
ANIMA DEL MIO CUORE
antiche note e nuove parole di un eterno femminino
omaggio a Barbara Strozzi nei 400 della nascita
Francesca Scaini soprano
Giovanna Dissera Bragadin contralto
Luigino Favot organo
Silvia de Rosso viola da gamba
Luca Laurella campane tibetane
Beatrice Raccanello parole recitate e danzate
Un viaggio nel cuore della creatività femminile: dal mondo sacro di Ildegarda von Bingen e di Santa
Radegonda, patrona di Madrisio di Varmo, al mondo profano delle lettere accorate della giovane friulana
Maria Savorgnano a Pietro Bembo e delle appassionate e potenti poesie di Vanessa Modafferi scritte
appositamente per questo appuntamento. A dare vita a questo intreccio le voci del soprano Francesca
Scaini e del contralto Giovanna Dissera Bragadin, accompagnate all'organo da Luigino Favot e dalla viola
da gamba di Silvia de Rosso, che si uniscono e legano al suono delle campane tibetane di Luca Laurella e
alle parole recitate e danzate di Beatrice Raccanello.
ore 19.30 – percorso di visita alla Chiesetta di Santa Radegonda

VILLACACCIA DI LESTIZZA
domenica 18 agosto – ore 19 – Ai Colonos (in caso di maltempo Auditorium Comunale di Lestizza)
RUMÌ
Luisa Cottifogli voce e sequencer
Gabriele Bombardini chitarre, live electronics e voce
’E Rumì d’ Santa Mareja è un personaggio realmente esistito nel 1800 sulle strade della bassa romagnola.
Un mendicante intento a cantilenare la sua orazione alla Madonna nei mercati o sulla soglia delle case,
per riceverne in cambio un tozzo di pane. Il mondo visto attraverso gli occhi di un’anima semplice e
vagabonda è un mutare continuo di colori, di paesaggi, di stagioni. Un luogo incantato fatto di suoni della
natura e degli animali, trasfigurato da antiche usanze e leggende degli esseri umani. Rumì è la metafora
del viaggio come scoperta dei territori sconfinati dell’anima. Viaggio che, attraverso diversi linguaggi musicali, può portare lontano, al di là del mondo conosciuto, o nello spazio circoscrivibile nei pochi
chilometri quadrati percorsi dal viandante per tutta la sua vita.
appuntamento in collaborazione con Avostanis 2019 / Associazione Culturale Colonos di Villacaccia di
Lestizza

MORTEGLIANO
venerdì 23 agosto – ore 21 – Villa Conti di Varmo (in caso di maltempo Palestra Comunale)
WATER SOUND DUO
Niklas Winter chitarra
Lorenzo Cominoli chitarra
Un concerto che è un incontro fra due musicisti, due chitarristi jazz che, sebbene geograficamente distanti
(uno è finlandese e l’altro italiano), sono accomunati dall’idea di una musica senza frontiere, che spinge
l’uomo a scoprire terre lontane, ma in qualche modo vicine, dove l’acqua è l’elemento essenziale e
simbolo di vita che, scorrendo così come scorrono le note, suggestiona l’anima. La loro creatività musicale
implica un bisogno di impulsi e contaminazioni culturali che derivano dal forte desiderio di condividere un
mondo in costante movimento, senza barriere e proiettato nel futuro.

ARIIS DI RIVIGNANO TEOR
domenica 25 agosto – ore 21 – Magazzini del Sale di Villa Ottelio Savorgnan
CONCERTO PER MAGNOLIA
Paolo Forte fisarmonica
Un inno alla bellezza di ciò che tacitamente ci circonda: la Natura, che qui prende le forme di un grande
albero, di un cielo notturno, del silenzio. Concerto per Magnolia è un viaggio tra le sue foglie, tra gli eventi
che ha visto e vissuto, tra le persone che le sono passate innanzi nel corso dei lustri e dei secoli con musiche
originali, composte e improvvisate appositamente da Paolo Forte, fisarmonicista friulano che si dedica in
particolar modo alla musica etnica e folk e che, tra le altre, è autore della colonna sonora del premiato
film Menocchio del regista Alberto Fasulo. Musiche che diventano brani-veicolo tra il puro ascolto e il
trasporto. Verso dove? Ognuno lo decida.
ore 19.30 – percorso di visita a Villa Ottelio Savorgnan

SANT’ODORICO DI FLAIBANO
venerdì 30 agosto – ore 21 – Corte della Chiesa Abbaziale di San Odorico (in caso di maltempo Chiesa Parrocchiale di San Odorico)
CAPOLAVORI DA CAMERA DAL BAROCCO AL CLASSICISMO
GOLDBERG ENSEMBLE
Luisa Sello flauto
Zlatina Georgieva flauto
Giacomo Birner violino
Claudio Gasparoni viola da gamba
Goldberg Ensemble è una formazione composta da Giacomo Birner al violino, Claudio Gasparoni alla viola
da gamba e Luisa Sello, elegante ed acclamata flautista udinese di talento straordinario e ambasciatrice
della musica e della cultura italiana. Ospite del trio, per l’occasione, Zlatina Georgieva, anche lei al flauto:
formatasi all’Accademy of Music Dance and Fine Arts di Plovdiv (Bulgaria), si è distinta fin da giovanissima
in concorsi nazionali perfezionandosi poi al Conservatorio G. Tartini di Trieste. Il programma prevede
l’esecuzione di pagine musicali di Sammartini, Bach, Vivaldi, le arie per due flauti dall’opera “Il flauto
magico” di Mozart e i divertimenti n. 1 op. 100 in re maggiore e n. 2 op. 100 in sol maggiore di Haydn.

MERETO DI TOMBA
domenica 1 settembre – ore 21 – Casa Someda De Marco (in caso di maltempo Sala Teatro Via Rimembranza)
AKMI DUO
Valentine Michaud sassofono
Akvilé Sileikaité pianoforte
Nato a Zurigo nel 2015, il duo Akmi è costituito da due giovani musiciste – soliste di alto livello – che si sono
incontrate alla Zürcher Hochschule der Künste costruendo un solido rapporto musicale e di amicizia. Il duo
è stato invitato ad esibirsi in prestigiosi festival e sale da concerto ed è stato premiato in diversi concorsi
internazionali, quali il Concorso Svizzero di Musica da Camera (1° premio 2016), il Concorso Internazionale
di Musica da Camera Salieri-Zinetti (2° premio 2018) – con cui è stato organizzato questo concerto - e lo
Swiss Ambassador Award (vincitore 2019). Il duo Akmi vanta un vasto repertorio che spazia anche nella
musica contemporanea e nuova.
ore 19.30 – percorso di visita alla biblioteca privata di Pietro Someda De Marco

 


aspettando MUSICA IN VILLA 2019, CONVERSIAMO DI MUSICA
Talmassons
domenica 7 luglio – ore 18.30 – Agriturismo Pituello
DI MUSICA IN MUSICA
Davide Sapienza, giornalista, scrittore e geopoeta, dialoga con Andrea Ioime
Bugnins di Camino al Tagliamento
mercoledì 10 luglio – ore 20.30 – Azienda Agricola Ferrin
ERRORE E PREGIUDIZIO
Giancarlo Schiaffini, musicista e scrittore, dialoga con Luca d’Agostino

 

 

1994 – 2019: 25 ANNI DI PROGETTO INTEGRATO CULTURA DEL MEDIO FRIULI, 25 ANNI INSIEME
per celebrare questo prestigioso traguardo, grazie alla collaborazione con il Vivaio Forestale Regionale
Pascul di Tarcento, in occasione di ogni concerto di Musica in Villa 2019 verranno distribuite gratuitamente
piantine di bagolaro, sanguinella, scotano, olivello spinoso, ginepro comune, maggiociondolo, melo
selvatico, gelso bianco, gelso nero, ciliegio selvatico, mirabolano, ciliegio canino, pero selvatico, roverella,
farnia, rosa selvatica, salicone, sambuco nero, sambuco rosso, tiglio selvatico, tiglio nostrano, lantana e
pallon di maggio affinché possano essere messe a dimora in parchi e giardini dal nostro pubblico: un
segno tangibile di attenzione e cura nei confronti del Medio Friuli – e non solo – con l’auspicio che piantare
e far crescere la cultura significhi anche, e sempre più, tutelare la Natura