Codroipo Cuore Live del Medio Friuli

Sito del Turismo del Medio Friuli: conoscere, capire e gustare il Medio Friuli

Associazione Intercomunale dei Comuni del Medio Friuli: Basiliano, Bertiolo, Camino al Tagliamento,

utility

Cerca

Scegli la lingua

Lingua italiana Lingua inglese Lingua tedesca

MUSICA IN VILLA 2017 - 17ma edizione - 16 concerti dal 4 luglio al 7 settembre

Immaginare e vivere la musica senza confini: orizzonte libero, privo di barriere, limiti, distinzioni mentali
e/o geografiche. Mai come in questa edizione, la 17ma, MUSICA IN VILLA ha fatto suo questo principio
mettendosi radicalmente in gioco grazie alla partecipazione di artisti che così concepiscono la musica.

La rassegna ideata, promossa e organizzata dal Progetto Integrato Cultura del Medio Friuli, con il
sostegno della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, della Fondazione Friuli e della Banca di Credito
Cooperativo di Basiliano e in collaborazione con l’Associazione Musicale e Culturale Armonie di
Sedegliano, il Concorso Internazionale di Musica da Camera Salieri – Zinetti di Verona, l’Ente Regionale per
il Patrimonio del Friuli Venezia Giulia, i lettori volontari delle Biblioteche Civiche di Basiliano, Camino al
Tagliamento, Lestizza, Mereto di Tomba, Mortegliano e RivignanoTeor, la Scuola di Musica EMD di Camino
al Tagliamento, al via il 14 luglio a Mortegliano con uno spettacolo/concerto dedicato al flamenco,
propone infatti musicisti che, come dimostrano i loro repertori e le loro esperienze, varcando ogni frontiera,
hanno scelto un solo linguaggio: quello della musica, nella dimensione più ampia e semplicemente
complessa del termine.

E così, dopo il flamenco coinvolgente di Rubén Molina, Juan Debel e degli artisti della Compagnia
Duendarte, MUSICA IN VILLA offre al suo numeroso pubblico di appassionati il virtuosismo jazzistico di Dario
Carnovale Trio, i vertici assoluti di Enrico Pieranunzi, la libertà vitale di Zlatko Kaučič Trio, la commistione
klezmer/yiddish di Gabriele Coen Quartet, la ricchezza mediterranea di Don Antonio, il folk etnico del Duo
Pucci Venier, la profonda ricerca sonora e artistica di Jochen Arbeit, l’emozionante visionarietà di
Alexander Balanescu, l’introspezione minimalista di Luca Ciut, il suono caleidoscopico di Xylouris White
passando attraverso la classicità atemporale del Duo Croisé-Shevchenko, di Sebastiano Mesaglio e del
Quartetto Stradivarius, la buffa ironia di Pergolesi dell’Orchestra Ensemble Serenissima per sfociare infine -
ed ancora - nella contemporaneità dal sapore balcanico dell’Ebonit Saxophone Quartet.
Musicisti e repertori unici che daranno vita a 16 concerti esclusivi – per lo più appositamente studiati
per la manifestazione - ospitati in 16 altrettanto esclusive dimore storiche e chiesette del Medio Friuli tra cui
compare, per la prima volta, Villa Kechler de Asarta a Fraforeano di Ronchis, graditissima new entry nel
circuito della manifestazione portata in dote dal Comune di Ronchis che, dal 1 gennaio 2017, è diventato il
15mo componente della convenzione aggregativa del P.I.C. del Medio Friuli.

Non mancheranno poi diversi momenti collaterali, divenuti ormai altro elemento caratterizzante della
rassegna che, tramite la cultura, si prefigge da sempre anche la valorizzazione e promozione del Medio
Friuli. Nello specifico, si tratta delle collaudate animazioni di lettura per i più piccoli Bambini in Villa, degli
opening acts/momenti pre-concerto curati da alcune scuole di musica del territorio e volti a presentare al
pubblico allievi particolarmente meritevoli, dei percorsi di visita alla scoperta di alcune chiesette campestri
ricche di rara bellezza (e questo anche in relazione a GLESIUTIS, accurato lavoro di mappatura di questi
beni appena realizzato dal Progetto Integrato Cultura del Medio Friuli) e alcuni momenti conviviali post
concerto in collaborazione con pro loco e aziende vitivinicole locali.

Infine, molto importante, MUSICA IN VILLA 2017 sostiene il progetto “CUORE MOTO costruire la
speranza dopo il sisma” promosso dall’Associazione Culturale Libra 2.0 per la realizzazione di
ludobiblioteche nei Comuni marchigiani terremotati di Montemonaco e Montefortino: la cultura per la
cultura, con la convinzione che questa possa e debba essere strumento di solidarietà, condivisione e unità.