Codroipo Cuore Live del Medio Friuli

Sito del Turismo del Medio Friuli: conoscere, capire e gustare il Medio Friuli

Associazione Intercomunale dei Comuni del Medio Friuli: Basiliano, Bertiolo, Camino al Tagliamento,

utility

Cerca

Scegli la lingua

Lingua italiana Lingua inglese Lingua tedesca

 

Ritorna alla
sezione musei

 

 

 

 

 

Il museo raccoglie ben 44 carrozze che lo rendono unico a livello nazionale per il numero, il valore storico e l’ottimo stato conservativo di tutti i pezzi ancora perfettamente funzionanti e restaurati con materiali originali d’epoca. Vi sono presenti le principali tipologie in uso fra Ottocento ed inizi Novecento in Europa e non solo. Inoltre, si possono ammirare carrozze appartenute ai più noti casati nobiliari come i Tomasi di Lampedusa o a personalità del calibro dello zar di Russia, Pietro il Grande.

Le tre gallerie sovrapposte dell’esposizione museale ospitano anche splendidi esemplari di cavalli riprodotti a grandezza naturale, finimenti e accessori da viaggio in un percorso che cerca di tracciare la storia del trasporto su strada fino all’avvento dell’automobile.

L’ultimo piano della torretta centrale è sede di una pregevole collezione di giocattoli d’epoca provenienti da tutto il mondo, rilevante testimonianza etnografica donata dalla veneziana Gabriella Cardazzo. Si possono ammirare bambole inglesi in porcellana con capelli naturali, bambole in cartapesta, pezza, pannolenci e stoppa, celluloide, pupi siciliani, burattini, giocattoli in latta con meccanismo, cavalli e carretti in cartapesta e in legno, un modellino di macchina a vapore e una vasta sezione di costumi del folclore mondiale.

Ancora non si può dimenticare la prestigiosa collezione di paramenti sacri che la famiglia Kechler-Ferrari ha portato da Terni a Codroipo. Frutto di una donazione la collezione si compone di varie pianete in taffetà di seta, broccati e damaschi dei secoli XVII e XVIII, tunicelle e camici in lino bordati di pizzi preziosi, tovaglie d’altare, copricalice bordati in pizzo e tovaglioli riccamente ricamati. L’allestimento della donazione Kechler-Ferrari attende il completamento dei lavori di ristrutturazione della seconda sezione della barchessa, ristrutturata e destinata a foresteria con sale di servizio e settori espositivi.

Ma le sorprese del museo non finiscono qui: merita certamente una visita la collezione d’arte della città di Codroipo, dono dello scrittore Elio Bartolini che raccolse in vita oltre settanta opere fra dipinti, stampe e sculture dei principali esponenti dell’arte contemporanea friulana. La quadreria riunisce maestri del calibro di Renzo Tubaro, Nane Zavagno, Sergio Altieri, Tonino Cragnolini, Carlo Ciussi e molti altri ancora.


I Servizi
Il museo organizza laboratori didattici per scuole d’infanzia di tipo teatrale con quinta scenica di carrozza e cavalli a tema "il viaggio di Sissi a Ginevra", per le scuole elementari, medie e superiori la didattica si svolge sul tema dell’evoluzione tecnica del mezzo di trasporto, dalla carrozza a cavallo ai primi esemplari a motore. Il periodo maggio-ottobre vede alcuni appuntamenti fissi nel calendario delle iniziative del museo come le passeggiate in carrozza da San Martino a Villa Manin e viceversa, il teatrino di burattini e i concerti di musica classica nel giardino del museo, le degustazioni a tema in occasione di San Simone, e in programmazione mostre, convegni e manifestazioni di costume aventi per tema il cavallo e la carrozza.

 

L'attività didattica del museo
Attualmente i servizi offerti sono le visite guidate a tema e l’attività didattica per le scuole d’infanzia, per la scuola primaria e secondaria medie e superiori.
Tra i musei di carrozze italiani, quello di Codroipo si distingue per la proposta di laboratori didattici di tipo teatrale e interattivo destinati alle scuole d’infanzia, con l’utilizzo di una carrozza di fine Ottocento svedese, ripristinata nella tappezzeria con sete ricamate a filo dorato provenienti da Parigi. Il tema proposto è "Il viaggio dell’ Imperatrice Sissi a Ginevra" e trae ispirazione dalle testimonianze dei soggiorni termali dell’Imperatrice Elisabetta d’Austria e Ungheria a Ginevra durante gli ultimi anni della sua vita, quando utilizzava un modello di carrozza Landaulette perché particolarmente comodo e versatile, (ASHENBACH n. 3/85, p.192), che oggi si trova presso le scuderie della reggia di Shönbrunn a Vienna. In museo è presente un modello Landaulette di fine Ottocento di carrozzeria svedese, attaccato ad una pariglia di cavalli neri ungheresi modellati in gesso e cartapesta a grandezza naturale che nell’insieme costituisce il fondale della scenetta teatrale didattica. I bambini sono protagonisti attivi della scena che si svolge in due atti per la durata di 40 minuti, il laboratorio si conclude con gli elaborati dei bambini poi raccolti ed esposti dal museo.

Per le scuole elementari e medie, vengono proposte visite guidate a tema che illustrano il patrimonio sotto l’aspetto tecnologico del mezzo di trasporto in uso prima dell’automobile e degli usi e costumi dell’epoca che prevedevano l’utilizzo di diversi modelli in rapporto alle diverse esigenze, visitando nel dettaglio i modelli più significativi del Museo: quelli per l’attività lavorativa nei campi, quelli per l’attività sportiva, quelli da passeggiata e quelli da cerimonia, e per finire la Diligenza dei lunghi viaggi. Il laboratorio si conclude con il Puzzle della carrozza, gli elaborati dei ragazzi nella ricostruzione delle diverse parti che compongono una carrozza o una scena di vita dell’ epoca. Le tessere del puzzle sono tutte ad incastri eguali per ciascuna tipologia raffigurata, l’abilità del ragazzo dopo l’apprendimento, sta nel saper individuare la tipologia corretta del fanale, delle sospensioni, del freno, in rapporto al modello di carrozza da ricostruire o la scena di vita d’epoca da ricreare.

Per le classi delle scuole medie superiori il tema delle visite guidate è strutturato sulla comparazione tra i mezzi di trasporto a cavallo e i primi mezzi di trasporto a motore per segnare il passaggio dalla civiltà del cavallo a quella del cavallo a vapore, l’HP, tra gli aspetti tecnici delle attività artigiane correlate al mondo delle carrozze e quelli del progresso tecnologico successivo.


 

Indirizzo: Via San Pietro 6, San Martino di Codroipo
Responsabile: Donatella Guarneri
cell: 347 4049865
e-mail: guarneri.donatella@comune.codroipo.ud.it 
Riferimenti e contatti:
e-mail: museodellecarrozze@comune.codroipo.ud.it
telefono 0432 912493
fax 0432 913911


Si ricevono su prenotazione i gruppi organizzati e le scolaresche.
 

Orari di apertura:

A ferragosto il museo sarà aperto con orario 15.00 - 18.00

Giornata

Mattino

Pomeriggio

Mercoledì

9.30 - 12.30

estate: 15.30 - 18.30

inverno: 14.30 - 17.30

Giovedì 9.30 - 12.30

estate: 15.30 - 18.30

inverno: 14.30 - 17.30

Venerdì

9.30 - 12.30

estate: 15.30 - 18.30

inverno: 14.30 - 17.30

Sabato

chiuso

estate: 15.30 - 18.30

inverno: 14.30 - 17.30

Domenica

10.30 - 12.30

estate: 15.30 - 18.30

inverno: 14.30 - 17.30