Codroipo Cuore Live del Medio Friuli

Sito del Turismo del Medio Friuli: conoscere, capire e gustare il Medio Friuli

Associazione Intercomunale dei Comuni del Medio Friuli: Basiliano, Bertiolo, Camino al Tagliamento,

utility

Cerca

Scegli la lingua

Lingua italiana Lingua inglese Lingua tedesca

MUSICA IN VILLA 2014

edizione del 20mo di costituzione del Progetto Integrato Cultura del Medio Friuli

 

 

 

Il “Rinascimento” del Quinteto Porteño

Il Quinteto Porteño, composto da Nicola Milan (fisarmonica), Daniele Labelli (pianoforte), Nicola Mansutti (violino), Roberto Colussi (chitarra) e Alessandro Turchet (contrabbasso), nasce nel 2006 con l’intento di esplorare e studiare il tango argentino, con particolare riguardo per la musica del grande compositore Astor Piazzolla.

L’entusiasmo e l’apprezzamento del pubblico hanno accompagnato la formazione fin dagli esordi e sono stati rafforzati dal successo del primo disco inciso dal Quinteto, “Decarismo” – uscito alla fine del 2008 per l’etichetta “Assowhat” – un sentito omaggio proprio al genio di Piazzolla.
Maturato un sound originale, il Quinteto decide di affrontare composizioni proprie, presentandosi al pubblico con musica inedita, interamente composta e arrangiata dalla formazione.

Il progetto “Desiderata”, seconda prova discografica del Quinteto Porteño, (pubblicato dall’etichetta discografica AlfaMusic e nominato all’Orpheus Music Award fra i 5 migliori cd di Jazz con Fisarmonica in Italia), vuole far convivere mondi musicali diversi. Musica Popolare (con influenze latine), musica Jazz (ogni brano ha uno spazio per l’improvvisazione), musica Classica e quella vena cantabile tipicamente italiana si fondono assieme, dando vita ad un intreccio sonoro ricco di suggestioni. Ne risulta una musica colta, raffinata e allo stesso tempo popolare, che riesce a entusiasmare e trascinare con sé qualsiasi ascoltatore.

Alla fine del 2012, dopo l’ingresso di Nicola Mansutti al violino, il Quinteto si rimette al lavoro con il nuovo progetto “Rinascimento”, pubblicato dall’etichetta discografica AlfaMusic di Roma con distribuzione internazionale Egea ed eseguito in svariati Festival.

“Rinascimento” è un disco composto da nove brani che, nel loro insieme, compongono una sorta di viaggio sonoro attraverso culture, tradizioni e sonorità diverse alla ricerca di una nuova speranza per la nostra società: una sorta di ancora di salvezza dalle ansie, dalle tensioni, dalla mancanza di tempo, che caratterizza l’uomo moderno. Tutto ciò emerge con forza in brani come “Milonga dell’Incoerenza”, dedicata alla dissennata classe dirigente italiana, o “Sogno Abbandonato”, che stende un ponte tra presente e passato per raccontarci quegli italiani che scappano dalla propria terra alla ricerca di migliori fortune all’estero, e trova il suo vertice nella splendida “Ciò Che Muove Il Mondo” dedicata all’amore, come unica chiave per un futuro diverso. “Rinascimento” è anche un album di ricerca dove la musica comunica senza bisogno di immagini o di spettacolo, attraverso un’alchimia squisitamente musicale come in “Milonga de Porto”, in cui spicca la superba linea melodica tracciata dalla fisarmonica di Milan, o gioca con i numeri come in “Quintedia” e “Tango 7” (rispettivamente con i ritmi di 5/4 e 7/4). Ci sono messaggi positivi e di speranza (“Il sole sopra le nuvole”), o che omaggiano la vitalità femminile (“Ciò che muove il mondo”). In questo viaggio, le culture si mescolano senza calpestarsi, convivendo in modo naturale ed in “Estango” il tango abbraccia addirittura la musica balcanica. Infine, c'è “Rinascimento”, un brano in cui la musica fonde tradizione italiana e innovazione, virtuosismo e sentimento, musica e filosofia. C'è bisogno di un Rinascimento, di porre nuovamente al centro di ogni ragionamento e di ogni azione l'autenticità della persona e della vita. C'è bisogno di un Rinascimento nella globalizzazione dei linguaggi e dei modi di pensare. Questo è Rinascimento: una musica che emoziona, che ricerca e trasmette l’energia della vita.

 

 

 

Annamaria Dell’Oste

Soprano, nata a Udine, ha iniziato gli studi di musica presso il Conservatorio “J. Tomadini” della sua cittá, diplomandosi in seguito presso il Conservatorio “A. Boito” di Parma sotto la guida di Jenny Anvelt. Ha seguito corsi di interpretazione e stile tenuti dal soprano Renata Scotto. Sin dal suo debutto al Teatro Verdi di Trieste avvenuto nel 1995 con l’Orfeo ed Euridice di Gluck (Amore, direttore Peter Maag), ha dimostrato spiccate doti vocali e di attrice che ne fanno, oggi, una fra le artiste più affermate della sua generazione. Nel dicembre 1996 ha inaugurato la stagione del Teatro alla Scala di Milano con L’Armide di Gluck sotto la bacchetta di Riccardo Muti. Si è esibita nei maggiori Teatri, Festival ed Istituzioni Musicali nazionali ed esteri, fra cui Wiener Staatsoper di Vienna, Staatsoper di Berlino, Covent Garden di Londra, Opera Bastille di Parigi , Liceu di Barcellona, collaborando con diversi direttori, quali Roberto Abbado, Daniele Gatti, Jesus Lopez-Cobos, Zubin Mehta, Riccardo Muti, Gianandrea Noseda, Evelino Pidò, Donato Renzetti, Wolfgang Sawallisch, Alberto Zedda, Antonio Pappano e Bruno Campanella.

 

Valentino Dentesani

Nato a Sacile (Pn) nel 1975, si è diplomato in violino con il massimo dei voti presso il Conservatorio J. Tomadini di Udine sotto la guida della Professoressa Orietta Malusà. Ha collaborato e collabora stabilmente con parecchie compagini orchestrali e gruppi cameristici presenti in Friuli ed in Veneto (Orchestra Filarmonica di Udine, Orchestra Filarmonica del Friuli Venezia Giulia, Collegium Musicum, Virtuosi di Aquileia, Orchestra di Venezia e molte altre). Nel 1998 è stato invitato a partecipare alla rassegna musicale “Giovani Talenti” indetta dal Rotary Club di Cittadella (dedicata ai migliori diplomati del Triveneto). Attualmente studia con il Maestri Ivan Rabaglia (violinista del Trio di Parma) e Renato Zanettovich. Ha suonato assieme a musicisti di fama internazionale quali Dean Bogdanovich, Michael Kugel, Konstantin Bogino. Intensa la sua attività discografica: ha inciso musiche di J. S. Bach, A. Patron e 4 CD editi dall’etichetta Agorà, con l’orchestra da camera “Collegium Musicum”. Attualmente, a seguito di concorso, ricopre il ruolo di primo dei violini secondi presso la Fondazione “Teatro G. Verdi” di Trieste.

 

Ferdinando Mussutto

Udinese, classe 1976, si è diplomato con il massimo dei voti in pianoforte a 20 anni presso il conservatorio della sua città. Ha frequentato diverse master-class sia per il repertorio solistico che cameristico, perfezionandosi con i maestri Panhofer, Rattalino, Lovato, Rivera, Fister, Porta. È stato premiato in vari concorsi nazionali ed internazionali e si è esibito come solista e camerista in Europa, Cina, Paraguay e Venezuela, riscuotendo ovunque consensi di pubblico e di critica. È stato maestro collaboratore presso il Teatro “G. Verdi” di Trieste e il Conservatorio “A. Steffani” di Castelfranco Veneto (Treviso). Nel 2001 ha realizzato due CD per la casa discografica RealSound di Udine; nel 2005 ha registrato il Quartetto Op. 60 di J. Brahms per RAI Radio3, mentre nel 2007 ha partecipato alla registrazione live dei Carmina Burana con il Coro del FVG. Nel 2009 ha tenuto un masterclass pianistico presso la Escuela "O. Lopez" di Caracas e nel 2010 gli è stato assegnato il premio “Carinthicum 2010” dall'Associazione Carinthia Artis (Koetschach, A). Nel 2011 ha inciso per l'etichetta Artesuono il CD “Intersections” in duo con il sassofonista Alex Sebastianutto; è uno dei fondatori dell'Ensemble “Piano Twelve”, con la quale si è esibito in mondovisione per RAI 1Sport.

 

___________________________________________________________

MUSICA IN VILLA è un’iniziativa Progetto Integrato Cultura del Medio Friuli

1994-2014: venti anni insieme

 

con il sostegno di

Provincia di Udine

Banca di Credito Cooperativo di Basiliano

 

per Symphonika, con il sostegno di

Fondazione Crup

Eurotech S.p.A.

ICOP S.p.A.

Idea Prototipi s.r.l.

Oro Caffè s.r.l.

 

in collaborazione con

Associazione Culturale Colonos di Villacaccia di Lestizza

Azienda Speciale Villa Manin

CSS Teatro stabile di innovazione del FVG

Lettori volontari delle Biblioteche Civiche di Basiliano e RivignanoTeor

Scuola di Musica Città di Codroipo

 

si ringraziano i proprietari delle ville e dimore private per la preziosa disponibilità e collaborazione

 

direzione artistica e organizzativa: Gabriella Cecotti

assistenza tecnica: Angel’s Wings di Nico Odorico, Mixage di Bruno di Gleria

progetto grafico: Gian Carlo Venuto

fotografie: Luca d’Agostino, Elia Falaschi / Phocus Agency per Musica in Villa, Gianni Benedetti,

Gabriella Cecotti

stampato da LithoStampa su carta certificata FSC Fedrigoni Freelife Vellum Cream

 

Essere il Progetto Integrato Cultura significa appartenere a quel gruppo di 13 comuni del Medio

Friuli che elaborano e realizzano progetti e percorsi culturali assieme, perché non c’è senso nel

crescere da soli

 

pic@comune.codroipo.ud.it

www.picmediofriuli.it

tel. 0432824681

 

ingresso libero